Liceo "Giulio Cesare" - "Manara Valgimigli"
 
CLASSICO
LINGUISTICO
LICEO LINGUISTICO QUADRIENNALE
SCIENZE UMANE (ex Formazione)
SCIENZE UMANE / ECONOMICO-SOCIALE - LES
Programmazione comune biennio
Formazione Docenti
Formazione ATA
Eat-compete-get fit! Erasmus +
Erasmus+ KA1 2015-17 - MobiCli3L
Comenius - Erasmus plus
Etwinning
Our school / unsere Schule / notre école
CLIL didattica
Internazionalizzazione
PON 2014-2020
Dirigenza
Segreteria
Albo scuola
Sicurezza
Albo Pretorio
Amministrazione Trasparente
Corsi di recupero Estate 2018
Modulistica
ESAMI DI STATO 2018/19
Area Docenti
Area Studenti
Disturbi Specifici Apprendimento
Concorsi & opportunità per studenti
Progetti didattici
Eventi/Premi/Report
EVENTI, INCONTRI
Premi - Riconoscimenti
Rapporti internazionali

ARCHIVIO eventi/premi/report
Corsi preparazione facoltà scientifiche
Obbligo di istruzione
Orientamento in entrata - iscrizioni a.s. 2019/20
Orientamento in uscita - iniziative a.s. 2019/20

Alternanza Scuola Lavoro (ASL)
Associazione Ex Alunni

Biblioteca
Storia della nostra scuola
Link utili







Córdoba
Córdoba

Rimini
Rimini

SCAMBIO CULTURALE SIVIGLIA-RIMINI 2CL a.s. 2016/2017

Link video:  https://youtu.be/A1wWEOiPXuM

Prendere parte ad un progetto di scambio culturale, esperienza incredibilmente intensa e carica di significato, vuol dire immergersi in un’altra realtà anche solo per una settimana, vedere il mondo e la vita da una prospettiva diversa e questo rende più ampia la nostra visione personale delle cose. Implica anche la conoscenza più approfondita di una cultura e di una lingua che non ci appartengono; è veramente sorprendente l’impatto che un contatto diretto con queste ha su di noi, ci si sente più parte del mondo, in grado di capire meglio le persone di un altro paese, le loro dinamiche, la relazione che hanno con il loro passato e le loro usanze, in grado di cogliere le sfumature delle parole che usano e questo ci fa sentire più grandi e maturi. Non c’è nessun altro tipo di viaggio come lo scambio che ti possa immergere tanto nella quotidianità e nella fantastica monotonia di un’altra popolazione, distruggendo in questo modo tutte le barriere e diversità. Noi ragazzi della 2C del Linguistico e i ragazzi selezionati dall’istituto I.E.S. Juan de Mairena situato in Mairena de Aljarafe, comune della provincia di Siviglia in Andalusia, abbiamo avuto l’occasione di vivere tutto ciò, tra il 4 e 11 febbraio ed il 3 e il 10 di aprile, tramite uscite in Spagna come in Italia nel luoghi di maggior interesse culturale (Granada, Cordova, Ravenna, Venezia), nelle località con i paesaggi più suggestivi (Triana, San Marino), nel centro della città, il cuore della vita sociale soprattutto dei giovani e sicuramente nelle case dei propri corrispondenti con le rispettive famiglie. Tra i ragazzi si è creata una coesione profonda, nonostante le differenze negli usi e nei costumi che in realtà hanno reso l’esperienza molto più interessante, in questo modo ogni incontro era affrontato non solo con voglia di conoscere ma anche con desiderio di passare del tempo insieme data la grande armonia, che non si è spezzata alla conclusione del progetto. Nonostante le uscite in ambito per così dire scolastico, nelle quali eravamo accompagnati dalla professoressa Zannoni e dal professor Bellini, siano state rilevanti non si possono non considerare altrettanto importanti i momenti passati con le famiglie dei propri corrispondenti, perché è all'interno delle case che ognuno di noi ha dovuto impegnarsi maggiormente adattandosi ad un diverso stile di vita e cercando di capire e di essere capiti, ma è anche dove più abbiamo avuto la possibilità di confrontarci, di imparare, di raccontare e di ascoltare; proprio grazie a questo si sono formati dei legami molto speciali con le persone che ci hanno accolto e che si sono prese cura di noi con la massima disponibilità. Per la realizzazione di tutto questo non possiamo fare a meno di ringraziare innanzitutto la nostra scuola che ha reso il progetto possibile, con grande sforzo e devozione mettendoci in contatto con i ragazzi che sono diventati poi parte della nostra quotidianità e secondo poi chiaramente tutti i genitori che hanno collaborato e accettato di occuparsi di noi. Infine tutto quello che noi abbiamo tratto da questo scambio di certo non è quantificabile, innumerevoli sono le emozioni che abbiamo provato, le nuove esperienze, i ricordi, le cose che abbiamo imparato e le amicizie che si sono create, ciò che invece sappiamo per certo è che adesso siamo molto più ricchi e completi di quanto non fossimo mai stati prima.

I ragazzi della IICL